provincia

Il corteo di Teodolinda

Il prossimo sabato 9 giugno, dal pomeriggio fino a tarda sera, Monza ospiterà la XXXVII edizione della rievocazione storica medievale – curata dalla Signora Ghi Meregalli –, quest’anno dedicata agli affreschi dallo sfondo dorato contenuti nel duomo e dipinti in onore del matrimonio tra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza nell’ A.D. 1441.
In occasione dell’evento, fra i più attesi della Brianza, la città di Monza, tingendosi degli sgargianti colori degli abiti medievali, scopre e riscopre le proprie origini di borgo medievale.
Fra le associazioni che hanno collaborato all’organizzazione della rappresentazione storica figurano, così come in passato, le associazioni culturali La Ghiringhella e Villasanta Medievale, alle quali è affidato il compito di curare gli abiti e gli ornamenti medievali indossati dai figuranti.
Il programma dell’evento prevede, in particolare, due momenti significativi.
Nel pomeriggio, a partire dalle ore 16.30, in tutto il centro cittadino, sbandieratori e acrobati sfileranno con al suono di tamburi e trombe e avranno luogo vari siparietti con animazioni medioevali, che riprodurranno ordinarie scene di vita quotidiana… di settecento anni fa.
Alle ore 21.00, da Largo Mazzini, partirà il lungo corteo composto da contadini, maniscalchi, nobili, sbandieratori, trampolieri e acrobati, che accompagnerà la regina Teodolinda fino alla piazza del Duomo. Quest’anno, per problemi organizzativi dovuti alla ristrutturazione della facciata del duomo, non avrà luogo il tradizionale “volo dell’angelo” dal campanile ma l’assessore alla cultura Massimiliano Longo ha assicurato un finale ugualmente emozionante.
In caso di maltempo, la manifestazione avrà luogo domenica 10 giugno con le stesse modalità.
La passione per la cultura unita alla straordinaria bravura di tutti gli operatori realizzatori dell’evento costituisce il successo di questa ricorrenza, che, una volta all’anno da quasi quarant’anni, permette a Monza e a tutta la Brianza di ricordare le sue origini storiche.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*